Categorie
News

Catechesi sulla Genesi: scarica l’ultimo incontro.

Dal racconto di Genesi abbiamo capito che all’origine di tutto ci sta l’incapacità di accettare il limite. Abbiamo inoltre anche visto come l’incapacità di accettare il limite imposto da Adonai Elohim abbia infilato l’umano in una strada senza ritorno: una via verso la morte e la distruzione. Il limite, contrariamente a quanto sembra, non è un segno di prevaricazione, come vorrebbe la bramosia, ma il principio su cui si regge la creazione, dunque, un luogo di vita.

Pertanto, se Dio desidera riconsegnare l’umano alla vita, deve affrettarsi a porre un altro limite assicurandosi che esso questa volta venga osservato. Quanto al limite è ancora un albero l’oggetto su cui cade l’inibizione, l’albero della vita:; quanto all’assicurazione Dio sa che ormai il divieto e l’avvertimento non bastano più, ci vuole qualcosa di più. Per questo, in difesa dell’albero, mette una barriera materiale, un presidio che non possa essere superato. Bisogna che l’albero della vita sia sottratto alla presa dell’umano e la motivazione non ha nulla a che vedere con la cattiveria o con spirito di rivalsa. Proteggere l’albero della vita dall’uomo è proteggere l’uomo dalla bramosia che ormai ha fatto breccia in lui e non può essere estirpata se non a prezzo di tempo, fatica e abnegazione.

Ancora una volta, dietro un modo di fare che sembra prestare il fianco alla vendetta, Adonai Elohim mostra di agire nell’interesse dell’uomo… 


Incontri precedenti

Scarica il testo completo degli incontri precedenti