Cammino formativo Giovani e Adulti

Anno Pastorale 2020/2021

Insegnaci a contare i nostri giorni e avremo la sapienza del cuore …

— Salmo 90, 12

Vai alle proposte:


La catechesi giovani e adulti

La Catechesi, quest’anno, sarà sui primi capitoli della Genesi. Qualcuno potrebbe domandarsi il perché di questa scelta, visto che il nostro Arcivescovo, in quest’anno pastorale, ci chiede di riflettere sul tema della sapienza. Non sarebbe stato meglio affrontare uno dei libri che fanno parte della collezione sapienziale della Bibbia? È vero, la Genesi non è un libro sapienziale e tuttavia è molto più vicino alla sapienza di quel che si potrebbe immaginare. Se l’uomo sapiente è, infatti, secondo la Bibbia, quello che si fa domande,  quello che si interroga sul senso delle cose, quello che cerca in profondità non accontentandosi di rimanere in superficie, allora nulla è più sapienziale di questo testo che spinge la sua indagine fino al cuore del mistero di Dio e dell’uomo. Quel cuore che qui si chiama origine!

L’incontro sarà come l’anno scorso, di giovedì, dalle 21.00 alle 22.30. Sarà l’occasione  per interrogare il testo cercando di approfondirne le questioni storiche, linguistiche e interpretative e facendo emergere i grandi temi che l’attraversano; e insieme, l’occasione per un confronto che ci aiuti a condividere le risonanze che il testo provoca in noi.

Date degli incontri

Giovedì 22 ottobre ore 21.00 – ore 22.30

In principio… Origini e origine.

Giovedì 12 novembre ore 21.00 – ore 22.30

E Dio disse… In principio la Parola.

Giovedì 19 novembre ore 21.00 – ore 22.30

Fece il cielo e la terra … Un Dio artigiano.

Giovedì 10 dicembre ore 21.00 – ore 22.30

Dio benedisse il settimo giorno … Una creazione che continua

Giovedì 7 gennaio ore 21.00 – ore 22.30

A immagine di Dio lo creò… La creazione dell’uomo.

Giovedì 14 gennaio ore 21.00 – ore 22.30

Lo pose nel giardino di Eden … Dono e responsabilità.

Giovedì 4 febbraio ore 21.00 – ore 22.30

Non è bene che l’uomo sia solo… Il dono dell’altro.

Giovedì 11 febbraio ore 21.00 – ore 22.30

Diventereste come Dio … La tentazione della bramosia.

Giovedì 15 aprile ore 21.00 – ore 22.30

Si accordero di essere nudi… Il giudizio di Dio …

Giovedì 22 aprile ore 21.00 – ore 22.30

Sono forse custode del mio fratello … La relazione compromessa.

Giovedì 13 maggio ore 21.00 – ore 22.30

Il mio arco sulle nubi… L’apice del male e l’alleanza.

Giovedì 20 maggio ore 21.00 – ore 22.30

La si chiamò Babele… Una sola lingua e stesse parole.


Lectio sul Siracide

Ad integrare il cammino della catechesi la proposta di un incontro mensile di Lectio che intende unire la meditazione biblica alla preghiera liturgica e all’adorazione eucaristica. Gli incontri saranno di giovedì, dalle 21.00 alle 22.00, e ci faranno riflettere su alcuni temi sapienziali presenti nel libro biblico del Siracide. Perché il Siracide? Perché
le circostanze in cui questo libro è stato scritto lo rendono particolarmente attuale. Le circostanze sono quelle di un rapido diffondersi della sapienza greca a cui lo scrittore biblico oppone la sapienza che nasce dal timore di Dio. Anche nel nostro tempo si combattono due sapienze: una sapienza dell’uomo che si nutre di presunzione e di onnipotenza, che rende esperti di tutto, ma incapaci di dare un senso a ciò che si vive, e una sapienza che va invece accolta come dono di Dio e si nutre di ascolto e di fede.
Riflettere su queste pagine ci aiuterà a guardare il tempo che stiamo vivendo con occhi nuovi.

Date degli incontri

Giovedì 5 novembre ore 21.00 – ore 22.00

Preparati alla prova … Siracide 2,1-18

Giovedì 3 dicembre ore 21.00 – ore 22.00

Il lavoro come lode a Dio e aiuto ai poveri … Siracide 4,1-10 e 38,1-39,11

Giovedì 28 gennaio ore 21.00 – ore 22.00

Chi trova un amico trova un tesoro … Siracide 6, 5-17

Giovedì 29 aprile ore 21.00 – ore 22.00

La libertà dell’uomo e la sapienza di Dio … Siracide 15,11-20 e 24, 23-34

Giovedì 28 maggio ore 21.00 – ore 22.30

Tradizione e rinnovamento nella vita personale e nella Chiesa … Siracide 44,1-15


Incontri di Quaresima

Un terzo e ultimo segmento del percorso formativo di quest’anno è quello che abbiamo situato nel tempo della Quaresima. In che cosa consiste? Nei “due giorni di ritiro” che dovrebbero introdurre spiritualmente al tempo quaresimale e nei classici “Quaresimali” del venerdì che la tradizione ecclesiale ci consegna come tappe di avvicinamento alla celebrazione della festa Pasquale.

Ritiro quaresimale

Quest’anno il ritiro di inizio quaresima sarà vissuto come preparazione alla visita pastorale che l’Arcivescovo Delpini farà alla città di Milano tra il 2021 e il 2022 e si avvarrà del contributo di meditazioni che saranno proposte dalla Diocesi.

  • Lunedì 22 febbraio (21.00 – 22.15)
  • Martedì 23 febbraio (21.00 – 22.15)
  • Mercoledì 24 febbraio (21.00 – 22.15)
  • Giovedì 25 febbraio (21.00 – 22.15)

Quaresimali

Per i quaresimali terremo ancora una volta sullo sfondo il tema della “sapienza” e lo faremo interagire questa volta con alcuni testi del vangelo di Giovanni sui quali mediteremo nelle domeniche di Quaresima. Il primo testo  è quello che richiama la necessità della fede per poter accedere alla verità. Nel nostro immaginario più comune sapienza e fede non vanno a braccetto. Sono, anzi, degli opposti: chi sa non ha bisogno di affidarsi, può contare sulle proprie competenze e sulle proprie conoscenze. è chi non sa che ha bisogno di credere per poter raggiungere quella verità che sfugge al suo dominio. Come si conciliano, dunque, fede e sapienza?

Il secondo testo è quello della samaritana. Nella sua domanda di acqua noi intravediamo la ricerca di ciò che è più essenziale, la ricerca di ciò le può far star bene. Ma che cos’è questo bene di cui tutti, anche noi, siamo in ricerca? Il terzo testo è quello del cieco nato. I discepoli domandano a Gesù se la ragione della cecità dell’uomo che hanno davanti sia da attribuire al peccato da lui commesso a addirittura al peccato commesso dai suoi genitori. Noi siamo sempre in qualche modo portati a ricondurre a Dio le cose che accadono e quando ciò che accade è negativo, come ciò che abbiamo sperimentato in questi mesi, tendiamo a pensare che esso sia una punizione divina o il segno di una sua preoccupata ritirata. L’uomo sapiente è invece colui che riesce a riconoscere anche dietro le situazioni più sfavoravoli la mano forte di un Dio che guida i passi dell’uomo.

Date degli incontri

Venerdì 5 marzo ore 21.00

Se diventerete miei discepoli conoscerete la verità … Sapienza e fede: la conciliazione degli opposti.

Venerdì 12 marzo ore 21.00

Dammi da bere … Il cammino della sapienza e la ricerca
di ciò che è bene.

Venerdì 19 marzo ore 21.00

È così perché si manifestassero in lui le opere di Dio … Sapienza è guardare oltre l’evidenza.

Martedì 23 marzo ore 21.00

Via Crucis cittadina con l’Arcivescovo