Chierichetti

Chierichetti o ministranti…

Chierichetto sta per “piccolo chierico”. Così venivano chiamati quei simpatici ragazzi che aiutavano il sacerdote durante le celebrazioni liturgiche. E venivano chiamati così perché, vestiti con la tunica o con la veste e la cotta, a vederli sull’altare, sembravano dei piccoli chierici. Oggi per chi svolge questo servizio si preferisce utilizzare un altro termine, il termine “ministrante”. Il motivo è che “ministrante” riesce meglio a esprimere il senso della loro presenza sull’altare: i chierichetti non sono piccoli preti, ma dei piccoli servitori (“Ministrans“, in latino vuol dire  colui che serve). Sono dei servitori secondo l’esempio di Gesù che non ha esitato farsi servo e che invita a fare anche noi la medesima cosa amando i nostri fratelli.

Al servizio dell’incontro

Il chierichetto, o meglio il ministrante, svolge un vero e proprio ministero liturgico (un servizio d’amore!) così come i lettori, i ministri dell’Eucarestia, i cantori… Attraverso il suo esempio, sollecita la partecipazione viva e devota dei fedeli e, ponendosi al servizio della celebrazione, con diligenza, generosità, impegno, precisione e puntualità favorisce l’incontro dell’intera comunità con il mistero di Cristo che proprio nel sacramento celebrato si rende accessibile. Essere ministranti significa amare Gesù al punto da offrirgli il proprio servizio e operare perché chiunque possa incontrarlo: tra le mura di una Chiesa, e soprattutto nella vita di tutti i giorni.

Non solo a Messa…

È per questo che il ministero del chierichetto non si riduce soltanto al servizio all’altare. È ministrante ogni ragazzo o ragazza, adolescente o giovane che abbia compreso che la Chiesa è espressione di quella sinfonia d’amore che è Dio stesso. Un ragazzo o una ragazza che sanno che Gesù è quell’amico che sa dare un colore speciale alla vita di ogni giorno vissuta nell’amore. Un ragazzo che nella vita di ogni giorno e con tutti cerca di vivere quello stile di amore che Gesù ci ha insegnato. 

Fare squadra

Essere ministranti oggi è diverso rispetto al passato. Che cosa significa essere ministranti oggi? Significa scoprirsi parte di una realtà più grande nella quale siamo chiamati a far brillare la luce della gioia che nasce dal mettersi in gioco sempre, subito, con passione. È anche prendere consapevolezza dei propri doni per metterli a servizio degli altri e così crescere sempre più per diventare se stessi. Un po’ come in una squadra di calcio ognuno occupa un posto e dà il meglio di sé perché la squadra possa festeggiare un successo, così nel gruppo ministranti ognuno fa la sua parte, allenandosi sempre di più nel crescere nell’amicizia con Dio e nel servizio concreto, e contribuisce a rendere la comunità il luogo della festa e della gioia. Aiutando nel servizio all’altare il chierichetto contribuisce a rendere Gesù più vicino, in modo che le persone possano sentire e rendersi conto maggiormente che Lui è qui, che Lui è presente nel mondo, nella vita di ogni giorno, nella Chiesa e in ogni luogo.


Ti potrebbe interessare anche:

Ministri straordinari dell’Eucarestia
Ministri straordinari dell’Eucarestia

«Se avete un cuore puro sarete in grado di vedere sempre quel legame meraviglioso tra il Pane di Vita e il corpo spezzato di Cristo nei poveri» Santa Teresa di Calcutta Fate questo in memoria di me Quando Gesù ha celebrato la sua ultima cena insieme agli apostoli, ha lasciato ad essi il compito di […]

Lettori e guide
Lettori e guide

[…] Infatti nelle letture… Dio parla al suo popolo… e offre un nutrimento spirituale Sacrosanctum Concilium, n. 33 La mensa della Parola Il concilio Vaticano II (SC 51) auspica che nelle celebrazioni liturgiche «la mensa della parola di Dio» sia preparata con l’attenzione e con la cura con cui viene preparata la mensa eucaristica, così […]

Musica e canto
Musica e canto

«Quante lacrime versate ascoltando gli accenti dei tuoi inni e cantici, che risuonavano dolcemente nella tua Chiesa! Una commozione violenta: quegli accenti fluivano nelle mie orecchie e distillavano nel mio cuore la verità, eccitandovi un caldo sentimento di pietà. Le lacrime che scorrevano mi facevamo bene» Confessioni, 9, 6, 14 Liturgia: lo spazio di un […]