Il tempo dell’Avvento

Che cos’è l’Avvento?

L’Avvento è il tempo liturgico che ci prepara alla celebrazione del Natale. Nella tradizione ambrosiana è stato spesso chiamato “Quaresima di San Martino”, perché́ ha il suo inizio la domenica successiva all’11 novembre, data in cui si celebra la festa di San Martino, e perché si distribuisce su sei settimane, esattamente come la Quaresima, a differenza di quanto avviene nel Rito Romano dove l’Avvento ha la durata di quattro settimane.

L’Avvento di sei settimane non è però una peculiarità del rito Ambrosiano: fin verso la metà del secolo VI è testimoniato anche a Roma. Fu la riforma liturgica promossa da Papa Gregorio Magno ad accorciarne la durata dando il via ad una prassi che si è poi  diffusa in tutta la Chiesa latina occidentale, fuorché nella diocesi milanese. 

Quando viene il Signore?

Il significato liturgico dell’avvento nel suo aspetto più ovvio e naturale è la preparazione immediata alle festività natalizie, nelle quali la Chiesa commemora il ricordo della prima venuta di Cristo salvatore degli uomini nell’umiltà della nostra condizione umana. Tuttavia le letture bibliche proposte dalle prime settimane d’ avvento offrono alla nostra riflessione anche il tema della seconda venuta di Cristo, quando Egli tornerà nella gloria, alla fine dei tempi, e la storia degli uomini avrà i suo compimento.

Ma tra queste due venute, quella del Verbo fattosi carne che ci riporta al passato e quello del Cristo glorioso che ci proietta nel futuro, c’è un’altra venuta: ogni giorno il Signore Gesù viene nel presente della nostra vita e chiede di essere accolto. È in questo terreno che affondano le loro radici gli atteggiamenti spirituali che caratterizzano questo tempo liturgico: la vigilanza, l’attesa, la fiducia, la speranza, l’ascolto

L’esperienza cristiana e la dimensione dell’attesa

Vigilanza, attesa, speranza non riguardano solo l’Avvento, ma tutta la vita cristiana. La vita cristiana infatti, se vuole essere veramente cristiana deve  potersi definire come un lungo e interminabile avvento, come un’esistenza che ha senso proprio perché è attesa continua e fiduciosa di Cristo. Questo periodo liturgico diventa così un’occasione per ricordare a noi stessi quello che siamo: persone che vivono in attesa di Cristo, persone la cui vita non è illogica o assurda, ma orientata verso una precisa destinazione, l’incontro definitivo con il Signore nostro Salvatore, persone che sanno aprire il loro cuore perché il Signore, oggi e sempre, abiti la storia del mondo.


Ti potrebbe interessare anche:

Il tempo dopo Pentecoste
Il tempo dopo Pentecoste

Il Signore ha fatto conoscere la sua salvezza: tutti i confini della terra hanno veduto la vittoria del nostro Dio…” Liturgia della I settimana dopo la Pentecoste Il tempo dopo Pentecoste … Nel rito ambrosiano il lungo periodo che decorre da Pentecoste alla ripresa del successivo anno liturgico (con il tempo di Avvento) assume una […]

Il tempo dopo l’Epifania
Il tempo dopo l’Epifania

Non esistono domeniche ordinarie… «Non esistono domeniche “ordinarie”, scrive il sacerdote e scrittore don Alessandro Pronzato e neppure giorni feriali “ordinari”, […] il tempo non è mai “ordinario”, perché è sempre insolito e inaudito il dono della Parola che si fa Pane sulla nostra mensa per riscattare l’esistenza dalla banalità dell’“ordinario” e farci celebrare la […]

Il tempo dopo il martirio di San Giovanni Battista
Il tempo dopo il martirio di San Giovanni Battista

Nello sviluppo dell’anno liturgico la festa del Martirio di san Giovanni segna la profonda unità sussistente tra l’Antica e la Nuova Alleanza ed evidenzia contemporaneamente la nuova economia di salvezza cui, nella Chiesa, tutti gli uomini di tutti i tempi sono chiamati ad essere partecipi, “nell’attesa della beata speranza e della manifestazione della gloria del nostro grande Dio e salvatore […]